13/12/2016

In questi ultimi anni diventa sempre più evidente l’esigenza da parte delle imprese, soprattutto medie e grandi, di dotarsi di qualcuno che gestisca le controversie aziendali, dal momento che aumentano i carichi commerciali e di credito, dovute al periodo ancora in essere di crisi economica. Ecco dunque che si affaccia l’opportunità di avvalersi dei cosiddetti mediatori per l’impresa, particolare tipo di mediatore specializzato proprio in controversie aziendali, relative non solo al debit e credit management ma anche alla materia della tutela di marchi e brevetti e proprietà intellettuale. In questo modo l’imprenditore potrà concentrarsi solo sulle sue attività con la garanzia di non imbattersi nei lunghi e dispendiosi iter delle cause giudiziarie.

Per le imprese, quindi, la mediazione potrebbe rivelarsi un vero e proprio valore aggiunto in cui la capacità del mediatore sta nello stabilire e ricreare quanto prima il giusto clima mite in cui l’ascolto è possibile e la collaborazione e l’interazione diventano i principi cardine su cui si fondano le componenti di una azienda. Facciamo un esempio: una delle necessità più stringenti per le imprese è proprio quella di tutelare i marchi ed i brevetti, altrimenti alla mercé di chiunque. Ricorrere al mediatore per l’impresa, in questo caso specializzato nella tutela di marchi e brevetti darà come risultato che la mediazione si dimostrerà molto più veloce ma ugualmente efficace nei risultati rispetto ad un procedimento giudiziario, senza però necessariamente andare a ledere i rapporti tra le due parti (imprese) in causa. Per raggiungere tuttavia tali caratteristiche è necessario che la procedura di mediazione in marchi e brevetti sia guidata da un mediatore esperto, adeguatamente formato in materia.

Ed è per questo che l’Associazione Giustizia Mite ha pensato anche a questo particolare tipo di percorso formativo, rivolto agli avvocati e ai professionisti iscritti all’Ordine dei Consulenti in proprietà industriale (sezione brevetti – sezione marchi), allo scopo di dare tutti gli strumenti per mediare con successo le controversie che abbiano come oggetto la proprietà intellettuale. La figura in uscita risulterà capace di svolgere attività di intermediazione per la risoluzione alternativa dei conflitti insorgenti all’interno e all’esterno delle organizzazioni aziendali. Il corso, come tutti quelli di Giustizia Mite, è accreditato Brain Med.

A cura dell'addetto stampa Giustizia Mite, dott.ssa Jenny Giordano