07/01/2014

La mediazione scolastica, solitamente, può essere visto come un atto volontario finalizzato a ristabilire il dialogo. La scuola, neanche a dirlo, è il contesto avvantaggiato in cui la cultura mediativa può essere più facilmente insinuata.
All’interno della scuola non è difficile veder insinuare la conflittualità. Così come non è difficile vedere bambini e ragazzi accettare atteggiamenti mentali aggressivi e pericolosi. Il mediatore, invece, è pronto ad accogliere il punti di vista degli altri.
La Mediazione scolastica nasce in parallelo con la Mediazione familiare. In questo articolo verranno fornite tutte le indicazioni principali per tutti coloro che s’interesseranno al delicatissimo discorso sulla mediazione scolastica. Uno dei metodi più noti, senza ombra di dubbio, è quello concernente lo "sportello di mediazione". La presenza di una figura conciliante permetterà di gestire tutti vi ari conflitti che andranno a nasce: tra pari, tra genitori e insegnanti, tra insegnanti e insegnanti, tra insegnanti e allievi e tra insegnanti e dirigenza.

Giustizia Mite mette in evidenza gli obiettivi generali della mediazione scolastica sono i seguenti:
• Promuovere costantemente lo sviluppo di abilità empatiche;
• Avere sempre un maggior rispetto reciproco;
• Avere sempre un maggior rispetto per gli altri e per le istituzioni;
• Promuovere una serena convivenza sociale ed individuale.

Analizziamo con cura tutte le varie tecniche usate all’interno della mediazione scolastica

Tra le tecniche proprie della mediazione scolastica troviamo:

• Una forte e professionale empatia;
• La semplice tecnica dell'ascolto attivo;
• la riformulazione;
• l'utilizzo frequente di domande mirate.

I primi programmi di mediazione scolastica arrivano nel 1981 a San Francisco. Qui assumono le caratteristiche della cosiddetta "peer mediation".

Nei giorni nostri, invece, Giustizia Mite si fa carico di un nuovo sistema di Mediazione scolastica, più semplice ed efficace. Attraverso la professionalità e la precisione, ottenere il giusto risultato, diventa un obiettivo sicuramente alla portata.

A cura di Vinicio Marchetti - Addetto stampa Giustizia Mite