18/11/2013

Giustizia Mite appoggia anche numerose altre forme di conciliazione. Un grande plauso, nello specifico, va riservato a Marie Simon ideatrice dei corsi di alta formazione per conduttori di parola per bambini di coppie separate.
Ma che cos’è un Gruppo di parola? Un Gruppo di parola, di fatto è uno spazio piacevole adibito allo scambio e anche al sostegno tra bambini i cui genitori sono separati o, chiaramente, in fase di separazione.

Il Gruppo di parola consente, con grande velocità e professionalità di dare vita a una possibilità nuova. Dare ai propri figli la possibilità di partecipare a un gruppo di parola è un regalo prezioso e fondamentale che i genitori possono offrire ai propri figli per fare in modo che il periodo di cambiamento che sussiste durante il percorso della separazione sia il meno influente e traumatico possibile.
Solitamente gli incontri di Gruppo di parola sono di due ore ciascuno e avvengono quattro volte al mese. Il quarto incontro, nello specifico, è diviso in due momenti. La prima ora, come tutte le altre volte, si svolge con i bambini. La seconda parte, invece, è svolta in simbiosi con i papà e con le mamme per uno scambio tra genitori e figli.
Nei suddetti incontri, inoltre, è previsto un momento di merenda dove i bambini hanno l’occasione di interagire fra di loro in un momento goliardico e di divertimento. Ovviamente, neanche a dirlo, i genitori, in seguito, possono richiedere un colloquio con i conduttori. Possono usufruire di questo “spazio protetto” le seguenti figure: Bambini, Adolescenti, Nonni, Bambini adottivi, Care-giver malati di alzheimer.

A cura di Vinicio Marchetti, Addetto Stampa GIUSTIZIA MITE