14/06/2016

La mediazione penale è una delicatissima area della mediazione a cui si ricorre quando a dover essere “mediato” è un reato. La particolarità di questo tipo di mediazione consiste nel fatto che autore del reato e vittima dovranno avere un contatto ed interagire, al fine di sopraggiungere ad un accordo. Fondamentale, perciò, la presenza del mediatore che mai come in questo settore dovrà essere neutrale ed altamente professionale, per far sì che tutto riesca per il meglio.

Come tutti i tipi di mediazione, anche quella penale ha dei fondamenti nella Legge italiana, e precisamente nell’art. 29, comma 4, del d.Lgs 274/2000, il quale prevede che "Il giudice, quando il reato è perseguibile a querela, promuove la conciliazione tra le parti. In tal caso, qualora sia utile per favorire la conciliazione, il giudice può rinviare l’udienza per un periodo non superiore a due mesi e, ove occorra, può avvalersi anche dell’attività di mediazione di centri e strutture pubbliche o private presenti sul territorio".

In questo modo le parti, se lo desiderano, potranno avvalersi di un mediatore professionista seguendo l’invito del giudice. È importante però sottolineare che durante lo svolgimento di una Mediazione Penale le modalità di tale azione da un lato fanno leva sul senso di responsabilità dell'autore del reato, soprattutto se si tratta di minori, offrendo la concreta opportunità di accedere a nuove modalità riparative adeguate; dall'altro si focalizzano sull'autostima della vittima e sulla sua possibilità di vedere risarcito il danno materiale, psicologico e morale subìto.

Da ciò ne deriva che per assolvere tale delicatissima funzione occorrono, perciò, professionisti altamente specializzati e formati, che sappiano sempre fronteggiare qualsiasi situazione con padronanza. Alla luce di ciò l’associazione Giustizia Mite propone corsi in “Alta formazione per mediatore penale”, con lo scopo di fornire le competenze teoriche e pratiche necessarie per assicurare una gestione ottimale delle controversie generate dall’illecito penale e per favorirne la composizione in una prospettiva riparativa. Nei corsi di Giustizia Mite gli allievi mediatori non solo apprenderanno i fondamenti della Legge in materia e saranno formati su tutto il complesso apparato teorico, ma saranno impegnati anche in esercitazioni e simulazioni di procedure di mediazione penale e penale minorile, al fine di apprendere le tecniche per aiutare le parti nella composizione della propria disputa.

A cura dell'addetto stampa Giustizia Mite, dott.ssa Jenny Giordano